Archivi annuali: 2014

sommelier

Olive Oil & Andalusian Experience

COURSE-CONFIRMED

A course conceived and organized by Olive Oil Academy and Olive Oil Experts

 When: Monday 13 – Friday 17 April 2015

Where: Sevilla – Andalusia – Spain

pdfico

Complete programme and application form

451_la-catedral-y-la-giralda-de-sevillaA 5 Day course that covers olive harvest, oil extraction and assessment processes, cooking and finally olive oil food pairing experience and tasting.

A high level qualification course designed for those who wish to become true experts in the selection and alternative use of EVOO (extra virgin olive oil)

This course will suit professional and aspiring olive oil tasters, buyers, retailers, promoters, restaurateurs, chefs, and all those interested in becoming a Professional Olive Oil Sommelier.

Afternoon activities are spent discovering the excellence of the Andalusia region with visits to various facilities (refer course program  content)

What is an Olive Oil Sommelier? (FILEminimizer) LM_141117_OliveOilRisottoDay1_0166_MEDres (logo)

A Professional Olive Oil Sommelier has a thorough knowledge of the full  production process of olive oil – “from the grove to bottle” – and is highly skilled in the selection, classification, promotion and rational use of olive oil.

Our goal is to offer a well balanced theory and practical course that will provide students with the right skills and knowledge to be able to communicate the rational use of olive oil in the kitchen and on the plate, in particular, the harmonization of EVOO & Food pairing…

At course completion, participants will have acquired skills and qualification, entitling them to join the International Register of Olive Oil Experts and to be part of professional olive oil evaluation panels.

CERTIFICATION experts007

Professional Olive Oil Sommelier Certificate:

Upon successful completion of the 5 day course, participants will be competent in the technical assessment, evaluation, classification and use of Extra Virgin Olive Oil.

This certification qualifies the holder to join the “International Register of Olive Oil Experts” and to participate in professional olive oil evaluation panels.

The Professional Olive Oil Sommelier is:

• A highly skilled taster and classifier EVOO (extra virgin olive oil)

• An expert who combines sensory analysis with a thorough knowledge of  the entire production chain

• A guide who can advise on best practices for the selection, pairing and alternative use of extra virgin olive oil: from soil to table.

International Extravirgin Olive Oil Agency 

ph. +39 011 19567218 – fax +39 0521 148 0029 mob. +39 338 53 94 663 – +39 347 49 13 924

E-mail: info@oliveoilagency.org Website: www.oliveoilagency.org 

taiwan

Italian EVOO in Taiwan

taiwanThe Clubalogue Society is organizing an event on an “Introduction and appreciation of the wonderful world of Extra Virgin Olive Oil” which will be held in Taipei, Taiwan between 08 – 14 December, 2014.

This news fills us with great satisfaction in knowing that the event is organized by Huang Xiaowen, who attended the Olive Oil Sommelier course, organized by IRVEA in April this year and successfully obtained her certificate of ‘Professional Olive Oil Sommelier’.

We are also very proud to announce that one of the key speakers at the meet is Marco Antonucci, our IRVEA delegate for Northern Italy and National Coordinator for International Olive Oil Experts (IOOE), the  Inter-professional Group established in 2012 by IRVEA for the certification and updating of professional skills of olive oil experts and tasters.

This is an important showcase for olive oil of excellence and for Italian knowhow and professionalism in this field, which IRVEA as always, supports and promotes.

All that remains is to wish both the organizers and participants a heartfelt “good luck”.

armonia

9th International Olive Oil Competition – ARMONIA

9th International  Olive Oil Competition – ARMONIA

IRVEA Trophy

————————————————

Enrollment NOW open for Northern Hemisphere

Iscrizioni aperte per l’Emisfero Nord

Inscripciónes abiertas para Hemisferio Norte

—————————————————–

After the success of the A.NZ.SA. Awards 2014 we are now recollecting the enrollment for the Northern Hemisphere to award IRVEA Trophy 2015.

For international producers of high-quality extra-virgin olive oil, with the goal of promoting the awareness and knowledge of extra-virgin olive oil through the harmonization of flavor in food-oil pairings in gourmet cooking schools and restaurants internationally

pdficoScarica il programma e il modulo di iscrizione

Download rules and application form- English 

Descarga reglamento y los modulos de partecipaciòn -  Español

LAST DAYS! - ULTIMI GIORNI - ULTIMOS DIAS

For any clarifications or requests for further information
Secretary of the International Olive Oil Contest “ARMONIA” IRVEA Trophy
via Nursina 2, – 06049 – SPOLETO (PG) Italy,
Ph. + 39 0521 184 1531
Mob. +39 338 53 94 663 – Fax +39 0743 778608
Skype: internationaleoliveoilagency
e-mail:info@oliveoilagency.org

 
img_award presentation

A.NZ.SA. 2014 – Awards ceremony

At William Blue Dining onDecember 1st 2014 was held the awards ceremony of the 3rd Southern Hemisphere Championship A.NZ.SA. Award 2014.

Download the brief presentation of the awards ceremony

Here the list of winners

SENSORIAL EVALUATION

INTENSE Fruity

1st Classified: LOWANNA’S PADDOCK –Homeleigh Grove AUSTRALIA

2nd Classified: HIDDEN VALLEY OLIVE OIL – SOUTH AFRICA

MEDIUM Fruity

1st Classified: VIRTUO Mild- The Olive Place – NEW ZEALAND
2nd Classified: ALTO Robust – Alto Olives – AUSTRALIA

DELICATE Fruity

1st Classified: LEONTYNA Picual– Paringa Ridge – AUSTRALIA
2nd Classified: VIRTUO Medium – The Olive Place – NEW ZEALAND

PEOPLE’s CHOICE- Selection

1st Classified: HIDDEN VALLEY OLIVE OIL – SOUTH AFRICA
2nd Classified: ALTO Robust – Alto Olives – AUSTRALIA

PACKAGING Selection

1st Classified: COCKATOO GROVE- Australia
2nd Classified: LEONTYNA Olive Oil – Paringa Ridge -AUSTRALIA

ARMONIE in the KITCHEN – Zanussi Professional Award 2014

– Young Student Chef Award -

1st Classified: Ashley Lambert
Coconut Arancini with ACQUERELLO Rice & HIDDEN VALLEY Olive Oil – SOUTH AFRICA
2nd Classified: Ion Kuan Chio (Jess)
Confit Salmon with ACQUERELLO Rice & HIDDEN VALLEY Olive Oil – SOUTH AFRICA
3th Classified: Aleksei Ivankin
Coffee Risotto with spiced coconut milk, oranges, sweet cherries and a shot of Americano with ACQUERELLO Rice & COCKATOO GROVE Olive Oil- AUSTRALIA

ARMONIE in the KITCHEN – ACQUERELLO Award 2014

– Food Blogger and Enthusiast Award –

1st Classified: Jessica Fernandez
Mozzarella arancini with ACQUERELLO Rice & VIRTUO Medium Olive Oil- The Olive Place – NEW ZEALAND
2nd Classified: Tania Cusack
Risotto Dessert with ACQUERELLO Rice & LOWANNA’S PADDOCK Olive Oil–Homeleigh Grove AUS

TRALIA
3th Classified: Alana Biordi
Dessert arancini with ACQUERELLO Rice & HIDDEN VALLEY Olive Oil – SOUTH AFRICA

ARMONIE in the KITCHEN – Zanussi Professional Award 2014

-Young Chef Award –

1st Classified: Danielle Martin

Ricotta tart with ACQUERELLO Rice & COCKATOO Olive Oil- AUSTRALIA

2nd Classified: Olivia Oh

Risotto with pancetta and kimchi with ACQUERELLO Rice & LEONTYNA Picual Olive Oil – AUSTRALIA

3th Classified: Madeline Glenn

Risotto with pork neck with ACQUERELLO Rice & VIRTUO Medium Olive Oil- The Olive Place – NEW ZEALAND

img_award presentation

taiwan

L’extravergine italiano vola a Taipei

taiwanDall’8 al 14 dicembre la società Clubalogue organizza a Taipei un incontro di avvicinamento e divulgazione legato al mondo dell’extravergine.

La notizia ci riempie di soddisfazione per diversi motivi.

A organizzare l’evento è Xiaowen Huang che nell’aprile scorso ha partecipato al corso per Sommelier organizzato da IRVEA ottenendo il certificato di Professional Olive Oil Sommelier.

Inoltre, uno dei docenti del Corso è Marco Antonucci, delegato IRVEA per il Nord Italia e Coordinatore Nazionale degli Oliveoil Experts by IRVEA che ha personalmente selezionato parte degli oli, tutti rigorosamente italiani, che verranno portati e utilizzati in questa trasferta asiatica.

Si tratta, infine, di una grande vetrina per l’olio extravergine italiano di eccellenza che noi da sempre promuoviamo.

Non resta dunque che augurare un sentito in bocca al lupo a organizzatori e partecipanti.

erbe&spezie1

Herbs, discovering taste

erbe&spezie2When men were even more like monkeys, fire and salt were used to make food tastier and longer lasting. And only then did they start to stand out from the animals. But culinary taste probably had to wait for the discovery of herbs and spices, paying the price of stomach ache. A common long-ago origin, perhaps dating back to the beginning of trade between wooded and lagoon areas

and between deserts and mountains. Highly sought-after and precious, they were worth their weight in gold and were even recognised (for example in 11th century Venice) as a valid way of paying taxes. An important chapter in our gastronomic history, not to mention in medicine itself

(syrups, infusions, compresses, ointments…) at least until the early 17th century. And perhaps even before (although not confirmed by science) as aphrodisiacs, an illusion which considered prodigious the root of the mandrake, a Solanaceae widespread in Mediterranean countries, as recognised by the Greek physician Dioscorides and confirmed by Pliny the Elder (although lacking in credibility in such matters). For the Romans, however, lettuce, mallow and wall-rocket were

enough. For the great agronomist Columella, wall-rocket aroused dulled passions, while other unidentified herbs ended up in infusions, distillates and even desserts. Always with the same hopes. But no-one has ever confessed to using these incentives… Then the times changed and we ended up with oysters and champagne which have nothing in common with herbs, but are supposed to have the same prodigious qualities as certain wild herbs. What is sure, however, is that these wild or cultivated herbs are able to add a distinctive touch to particular international or local, refined or traditional, ways of cooking meat or fish, in which spices and herbs play a leading part. Anise, cinnamon, cloves, nutmeg, chilli pepper and saffron are all spices (powder, leaves and dried bark) able to characterise any dish, not to mention their healing aspects (stimulating, digestive, purifying, toning, sedative…). And herbs? Garlic, basil, onion, fennel, oregano, parsley, rosemary, sage, shallots, celery, thyme… fresh herbs so common they are even cultivated indoors. Flavours which together or on their own are added to food to make it stand out, transforming the

humblest of kitchens into a genuine laboratory of taste. As confirmed by academics and chefs.

The Observatory-by Carlo Mocci- ZAFFERANO Magazione

di Carlo Mocci
Zafferano Magazine
erbe&spezie1

Erbe, la scoperta del gusto

erbe&spezie2Quando l’uomo era ancora più simile alla scimmia, perché il cibo fosse più saporito e si conservasse meglio c’erano il fuoco e il sale. E solo allora ha cominciato a distinguersi dagli animali. Ma a far nascere il gusto culinario è probabile che ci siano volute le erbe aromatiche e le spezie. E la loro conoscenza è stata a forza di mal di pancia. Una comune origine lontanissima, forse la genesi dei primi scambi commerciali tra zone boscose e lagune, tra deserti e montagne. Tanto ricercate e preziose da valere come l’oro, tali da essere conosciute (per esempio nella Venezia del XI secolo) come valide perfino per pagare le tasse.

Una parte importante insomma della nostra storia gastronomica e perfino della stessa medicina (sciroppi, decotti, impacchi, unguenti….) almeno fino al primo Seicento. E forse prima ancora identificate, senza nessuna conferma scientifica, come afrodisiache: un’illusione che definiva portentosa la radice della mandragola, una solanacea molto diffusa nei Paesi mediterranei come aveva riconosciuto il medico greco Dioscoride e confermato anche da Plinio il Vecchio (per la verità poco credibile in certi argomenti), ma ai romani invece bastavano lattuga, malva e ruchetta.

Per Columella, il grande agronomo, la ruca selvatica risvegliava ardori sopiti, mentre altri irriconoscibili erbe, non meglio identificate, finivano in decotti, distillati e perfino nei dolci. Sempre con le stesse speranze. Ma nessuno ha mai confessato l’uso di questi incentivi…

Poi i tempi sono cambiati e si è finiti a ostriche e champagne che non c’entrano con le erbe ma che, si è sempre assicurato, avrebbero le stesse prodigiose qualità di certe erbe selvatiche…. Resta invece sicuro che tutte queste essenze, spontanee o coltivate, sono capaci di identificare una particolare cucina, di carne o di pesce, internazionale o locale, raffinata o popolare che sia, dove appunto le spezie e le erbe aromatiche sono riconosciute protagoniste. Anice, cannella, chiodi di garofano, noce moscata, peperoncino, zafferano….sono le spezie (polveri, foglie e cortecce essiccate) che danno quel qualcosa in più ad ogni piatto senza contare appunto il lato curativo (stimolanti, digestivi, depuranti, tonici, sedativi….). E le erbe aromatiche? Aglio, basilico, cipolla, finocchio, origano, prezzemolo, rosmarino, salvia, scalogno, sedano, timo… aromi freschi tanto comuni che li coltiviamo perfino in casa. Sono sapori che misti o singoli si aggiungono ai cibi differenziandoli e che trasformano una qualsiasi cucina in un vero laboratorio del gusto. Ce lo confermano studiosi e cuochi.

di Carlo Mocci
Zafferano Magazine
ispettori_CONFERMATO

Ispettori e consulenti delle strutture ricettive e della ristorazione

Dove: Roma- Auditorium UNICEF, via Palestro 68 – a 5 minuti a piedi da Stazione Termini Quando: 16-17-18-19 Febbraio 2015 con orario 9:30 – 13:00 / 14:30- 17:00

Giunto alla sua 5° edizione, il corso è finalizzato a trasferire un insieme di know-how, strumenti, conoscenze tecniche e competenze professionali indispensabili per le attività di verifica e controllo qualità, per il miglioramento dei servizi aziendali, la gestione dei rischi e la prevenzione all’eventuale contesto sanzionatorio.

Focus On QualityDette competenze sono spendibili sia presso strutture pubbliche e private specializzate nelle attività ispettive di verifica e controllo qualità, sia in contesti aziendali per gli auditor interni, sia per attività libero-professionali e di consulenza negli specifici settori.

pdfico

 

 

Scarica il programma e il modulo di iscrizione

REQUISITI MINIMI: Il corso è aperto a tutti e non prevede requisiti minimi di accesso.

Destinatari:

  • Ispettori, neo-ispettori, auditor interni e operatori degli enti, organismi e strutture pubbliche e private preposte al controllo e alla verifica della qualità dei prodotti e dei servizi delle strutture ricettive e della ristorazione;
  • Direttori e Maitre d’Hotel, personale di ricevimento e del servizio ai piani (Housekeeping),
  • Albergatori e gestori di strutture ricettive (Hotel, Alberghi, Ville e case d’epoca e di campagna, Agriturismo, Bed & Breakfast e Alberghi diffusi);
  • Ristoratori, manager della ristorazione e dell’area F.&B., Chef e personale di sala;
  • Professionisti, operatori e consulenti del settore turistico, ricettivo e HoReCa per la certificazione della qualità dei prodotti e dei servizi;
  • Direttori, gestori, responsabili della qualità e di area nei supermercati, nei centri di produzione, logistica, commercio e somministrazione di alimenti;
  • Particolarmente utili per coloro che già gestiscono o sono intenzionati ad aprire una struttura ricettiva o di ristorazione

Ai partecipanti al corso completo verrà rilasciato attestato di partecipazione e “Certificazione di idoneità” valido anche, previa richiesta, per l’inserimento del nominativo nel Registro Nazionale Ispettori e Operatori della Qualità – IRVEA alla disponibilità di tutte le strutture nazionali e internazionali, con scopi, obiettivi e finalità, di cui ai piani di miglioramento QualityCare.

Le attività di Ispettore, consulente e auditor nel contesto di IRVEA QualityCare possono essere svolte unicamente da personale opportunamente formato e in possesso del “Certificato di Idoneità”. Le attività di IRVEA QualityCare sono principalmente rivolte ai contesti territoriali di Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Puglia, Campania, Calabria, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

Le attività eventualmente commissionate verranno espletate unicamente mediante assegnazione di lettera di incarico professionale/occasionale, nelle aree geografiche limitrofe a quelle di residenza.

Tappo anti rabbocco

Contrordine: il tappo anti rabbocco dell’olio torna obbligatorio

Tappo anti rabboccoLe novità introdotte dalla Legge 30 Ottobre 2014, n, 161

Tempo fa sul mio blog www.pieronuciari.it  avevo pubblicato un articolo sulla Legge “Mongiello”, L. 9/2013, meglio conosciuta come legge “salva olio italiano”. Nell’articolo si evidenziava il “non senso” di alcuni contenuti come l’obbligo per gli esercizi di somministrazione di mettere a disposizione del pubblico bottiglie di olio di oliva munite del tappo anti rabbocco, subito smentito appena due righe dopo.
La legge, infatti, prevedeva che gli olii di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi “devono possedere idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata”, ma, successivamente, con l’aggiunta della congiunzione “ovvero” che in italiano vuol dire “oppure, ossia, o,” precisava che gli olii “devono essere etichettati in modo da indicare almeno l’origine del prodotto ed il lotto di produzione a cui appartiene”.
In pratica venivano bandite le oliere anonime, il tappo anti rabbocco era consentito, ma potevano essere utilizzate anche le bottiglie normali, purchè fornite di determinate informazioni attraverso un’etichettatura appropriata!
La contraddizione (ed anche la malafede) era apparsa da subito alquanto evidente, visto che in questo modo il commerciante disonesto avrebbe potuto acquistare la bottiglia etichettata per poi rabboccarla al bisogno, anche con olio scadente, alla faccia della legge e del consumatore!
Se il nostro legislatore avesse sostituito la congiunzione “ovvero” con “inoltre”, non si sarebbero creati dubbi interpretativi e non ci sarebbero state difficoltà nell’applicazione della norma!
Per rimediare a questo evidente incidente di percorso, i nostri governanti sono nuovamente intervenuti sull’argomento, apportando una nuova modifica alla legge, questa volta con l’obiettivo di evitare equivoci interpretativi.
Dal 25/11/14, con l’entrata in vigore della Legge 30 Ottobre 2014, n, 161, avente come oggetto: “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2013-bis.”, le oliere messe a disposizione dei consumatori negli esercizi di somministrazione (bar, mense, ristoranti e pizzerie ) dovranno obbligatoriamente essere dotate di tappo anti rabbocco e non sarà più consentito l’utilizzo di oliere anonime o di bottiglie prive del sistema di protezione, pena pesanti sanzioni.
Questo obbligo è previsto dall’articolo 18, comma 1, della L. 161/14, che sostituisce l’articolo 7, comma 2, della legge Mongiello con il seguente testo:
” Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta”.
E’ da evidenziare che la legge 161/14 non ha modificato solo il comma 2, della Legge Mongiello, ma ha provveduto anche a modificare diversi altri articoli e commi.
Di seguito le principali modifiche apportate alla legge di particolare interesse per gli addetti ai controlli:
Art. 1. Modalita’ per l’indicazione di origine
1. L’indicazione dell’origine degli oli di oliva vergini prevista all’articolo 4 del decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali 10 novembre 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 12 del 16 gennaio 2010, deve figurare in modo facilmente visibile e chiaramente leggibile nel campo visivo anteriore del recipiente, in modo da essere distinguibile dalle altre indicazioni e dagli altri segni grafici.
2. L’indicazione dell’origine di cui al comma 1 e’ stampata sul recipiente o sull’etichetta ad esso apposta, in caratteri la cui parte mediana e’ pari o superiore a 1,2 mm, ed in modo da assicurare un contrasto significativo tra i caratteri stampati e lo sfondo.
3. In deroga al comma 2, i caratteri di cui al medesimo comma possono essere stampati in dimensioni uguali a quelli della denominazione di vendita dell’olio di oliva vergine, nel medesimo campo visivo e nella medesima rilevanza cromatica.
4. L’indicazione dell’origine delle miscele di oli di oliva originari di piu’ di uno Stato membro dell’Unione europea o di un Paese terzo, conforme all’articolo 4, paragrafo 2, lettera b), del regolamento (UE) di esecuzione n. 29/2012 della Commissione, del 13 gennaio 2012, deve essere stampata ai sensi dei commi 2 e 3 del presente articolo e con diversa e piu’ evidente rilevanza cromatica rispetto allo sfondo, alle altre indicazioni e alla denominazione di vendita.”
Art. 4. Divieto di pratiche commerciali ingannevoli
1. Una pratica commerciale e’ ingannevole, in conformita’ agli articoli 21 e seguenti del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, quando contiene indicazioni che, anche attraverso diciture, immagini e simboli grafici, evocano una specifica zona geografica di origine degli oli vergini di oliva non corrispondente alla effettiva origine territoriale delle olive.
2. E’ altresi’ ingannevole la pratica commerciale che, omettendo indicazioni rilevanti circa la zona geografica di origine degli oli di oliva vergini, puo’ ingenerare la convinzione che le olive utilizzate siano di provenienza territoriale diversa da quella effettiva.
3. E’ ingannevole attribuire valutazioni organolettiche agli oli di oliva diversi dagli oli extravergini o vergini e comunque indicare attributi positivi non previsti dall’allegato XII in materia di valutazione organolettica dell’olio di oliva vergine, di cui al regolamento (CEE) n. 2568/91 della Commissione dell’11 luglio 1991, e successive modificazioni.”
Art. 7. Termine minimo di conservazione e resentazione degli oli di oliva nei pubblici esercizi

1. Il termine minimo di conservazione entro il quale gli oli di oliva vergini conservano le loro proprieta’specifiche in adeguate condizioni di trattamento non puo’ essere superiore a diciotto mesi dalla data di imbottigliamento e va indicato con la dicitura «da consumarsi preferibilmente entro» seguita dalla data.
2. Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta.
3. La violazione del divieto di cui ai commi 1 e 2 comporta l’applicazione al titolare del pubblico esercizio di una sanzione amministrativa da euro 1.000 a euro 8.000 e la confisca del prodotto.

(FILEminimizer) LM_141118_OliveOilRisottoDay2_0207_MEDres (logo)

Armonie in the Kitchen – Photogallery

Armonie in the Kitchen – Zanussi Professional Award 2014

A.NZ.SA. Southern Championship 2014

A cooking competition 

  • Young Student Chef Award
  • Food Blogger and Enthusiast Award