Archivio tag: sommelier

straccetti-di-manzo-alle-erbe-aromatiche

Discovering Flavours… Aromatic herbs and extra virgin olive oil

Aromatic Herbs and Extra virgin Olive Oil: raw, fresh or cooked, they are always delicious!

Herbs have always been an important part of cooking culture all over the world. Everybody uses them, to a greater or lesser degree, to enhance their dishes, both raw and cooked.
However, it is important to be able to use them correctly; fresh raw herbs can be chopped and mixed but don’t cook them for any significant time.

Always use herbs to improve the taste of fish, meat, vegetables, soups and desserts to enhance their appeal.

During the Professional Olive Oil Sommelier Course being held in Val d’Orcia in the heart of Tuscany, there will be cooking demonstrations showing you how to use EVOO and fresh herbs to finish off each dish in perfect harmonization.

This simple but effective recipe by chef Gregory Nalon, requires the use of raw, fresh herbs vacuum cooked at very low temperatures with olive oil.

Curry lobster salad with sweet-sour pickled vegetables and fumé herbs.
By chef Gregory Nalon

Ingredients for 4 people:
n° 12 lobster tails, 5 g curry; 20g egg white; 30 g Tropea onion; 30 g white onion; 40 g red bell pepper ; 10 g chopped fresh herbs (thyme, parsley, wild fennel, chives); 20 g extra virgin olive oil, scented with sage and rosemary; 15 g classic extra virgin olive oil; 20g white vinegar; 10 g white sugar; 2g salt; 0.5 g white pepper; 1 bay leaf; 2 g fresh ginger; 20 g basil leaves

Take the lobster tails out of their shells, wash them and dust them with curry after dipping them in whisked egg white. Steam them at 76°C for about 7 minutes, laying them on top of the fresh basil.

Clean and cut the vegetables, than put them in a special bag for vacuum cooking and season them with sugar, vinegar, salt, pepper and classic extra
virgin olive oil.

Close the bag and cook the vegetables for about 10 minutes. Change the vacuum cooking bag, add the chopped herbs and the seasoned extra virgin olive oil.

Close the bag and cook in the oven at 68°C for 20 minutes.

Dish arrangement:
Plate the sweet and sour vegetables, lay the lobsters on top, season with some of the cooking sauce and the seasoned oil.

Decorate and serve.

Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011

Herbs, discovering taste
When men were even more like monkeys, fire and salt were used to make food tastier and longer lasting. And only then did they start to stand out from the animals. But culinary taste probably had to wait for the discovery of herbs and spices, paying the price of stomachache.
A common long-ago origin, perhaps dating back to the beginning of trade between wooded and lagoon areas and between deserts and mountains.

Highly sought-after and precious, they were worth their weight in gold and were even recognised (for example in 11th century Venice) as a valid way of paying taxes. An important chapter in our gastronomic history, not to mention in medicine itself (syrups, infusions, compresses, ointments…) at least until the early 17th century. And perhaps even before (although not confirmed by science) as aphrodisiacs, an illusion which considered prodigious the root of the mandrake, a Solanaceae widespread in Mediterranean countries, as recognised by the Greek physician Dioscorides and confirmed by Pliny the Elder (although lacking in credibility in such matters).

For the Romans, however, lettuce, mallow and wall-rocket were enough. For the great agronomist Columella, wall-rocket aroused dulled passions, while other unidentified herbs ended up in infusions, distillates and even desserts. Always with the same hopes. But no-one has ever confessed to using these incentives…
Then the times changed and we ended up with oysters and champagne which have nothing in common with herbs, but are supposed to have the same prodigious qualities as certain wild herbs. What is sure, however, is that these wild or cultivated herbs are able to add a distinctive touch to particular international or local, refined or traditional, ways of cooking meat or fish, in which spices and herbs play a leading part.
Anise, cinnamon, cloves, nutmeg, chilli pepper and saffron are all spices (powder, leaves and dried bark) able to characterise any dish, not to mention their healing aspects (stimulating, digestive, purifying, toning, sedative…).

And herbs? Garlic, basil, onion, fennel, oregano, parsley, rosemary, sage, shallots, celery, thyme… fresh herbs so common they are even cultivated indoors. Flavours which together or on their own are added to food to make it stand out, transforming the humblest of kitchens into a genuine laboratory of taste. As confirmed by academics and chefs.

Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011

di Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011
aromatiche

Erbe aromatiche ed Extravergine. Alla scoperta del gusto

Erbe, la scoperta del gusto

Quando l’uomo era ancora più simile alla scimmia, perché il cibo fosse più saporito e si conservasse meglio c’erano il fuoco e il sale. E solo allora ha cominciato a distinguersi dagli animali.

aromaticheMa a far nascere il gusto culinario è probabile che ci siano volute le erbe aromatiche e le spezie. E la loro conoscenza è stata a forza di mal di pancia.

Una comune origine lontanissima, forse la genesi dei primi scambi commercial tra zone boscose e lagune, tra deserti e montagne. Tanto ricercate e preziose da valere come l’oro, tali da essere conosciute (per esempio nella Venezia del XI secolo) come valide perfino per pagare le tasse.

Una parte importante insomma della nostra storia gastronomica e perfino della stessa medicina (sciroppi, decotti, impacchi, unguenti….) almeno fino al primo Seicento. E forse prima ancora identificate, senza nessuna conferma scientifica, come afrodisiache: un’illusione che definiva portentosa la radice della mandragola, una solanacea molto diffusa nei Paesi mediterranei come aveva riconosciuto il medico greco Dioscoride e confermato anche da Plinio il Vecchio (per la verità poco credibile in certi argomenti), ma ai romani invece bastavano lattuga, malva e ruchetta.

Per Columella, il grande agronomo, la ruca selvatica risvegliava ardori sopiti, mentre altri irriconoscibili erbe, non meglio identificate, finivano in decotti, distillati e perfino nei dolci. Sempre con le stesse speranze.
Ma nessuno ha mai confessato l’uso di questi incentivi…

Poi i tempi sono cambiati e si è finiti a ostriche e champagne che non c’entrano con le erbe ma che, si è sempre assicurato, avrebbero le stesse prodigiose qualità di certe erbe selvatiche….

Resta invece sicuro che tutte queste essenze, spontanee o coltivate, sono capaci di identificare una particolare cucina, di carne o di pesce, internazionale o locale, raffinata o popolare che sia, dove appunto le spezie e le erbe aromatiche sono riconosciute protagoniste. Anice, cannella, chiodi di garofano, noce moscata, peperoncino, zafferano….sono le spezie (polveri, foglie e cortecce essiccate) che danno quel qualcosa in più ad ogni piatto senza contare appunto il lato curativo (stimolanti, digestivi,
depuranti, tonici, sedativi….).
E le erbe aromatiche? Aglio, basilico, cipolla, finocchio, origano, prezzemolo, rosmarino, salvia, scalogno, sedano, timo… aromi freschi tanto comuni che li coltiviamo perfino in casa.
Sono sapori che misti o singoli si aggiungono ai cibi differenziandoli e che trasformano una qualsiasi cucina in un vero laboratorio del gusto. Ce lo confermano studiosi e cuochi.

Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011

Erbe aromatiche ed Extravergine: crude, fresche, cotte, sono sempre buone!

Le erbe aromatiche sono da sempre parte delle culture culinarie di tutto il mondo.
Chi più chi meno, tutti le usano per esaltare i prodotti cotti o crudi che siano. Credo sia importante però usarle nel modo corretto; fresche e crude, emulsionate, tritate, ma di sicuro mai cotte a lungo.
Si possono utilizzare per insaporire e valorizzare pesce, carne, verdure, minestre, zuppe e dolci.
Durante il corso per Professional Olive Oil Sommelier che si terrà in Val d’Orcia, nel cuore della Toscana dal 13 al 17 ottobre 2014, si terranno varie dimostrazioni pratiche sull’utilizzo delle Erbe aromatiche con l’Extravergine per la finitura e la perfetta armonizzazione di ogni piatto.

In questa ricettina semplice, ma di effetto, dello chef Gregory Nalon, le erbe vengono utilizzate crude, fresche e cotte in sottovuoto a bassissima temperatura con dell’olio d’oliva.

Insalatina di gambero al curry con giardiniera in agrodolce ed erbette fumé
chef Gregory Nalon
Ingredienti per 4 persone:

n° 12 code di gamberone; g 5 curry; g 20 albume; g 30 cipolla di Tropea; g 30 cipolla bianca; g 40 peperone rosso; g 10 mix di erbe fresche tritate a coltello affilatissimo ( timo, prezzemolo, finocchietto, erba cipollina ); g 20 olio extravergine d’oliva affumicato alla salvia e rosmarino; g 15 olio extravergine d’oliva classico; g 20 aceto bianco; g 10 zucchero bianco; g 2 sale fi no; g 0,5 pepe bianco;1 foglia d’alloro; g 2 zenzero fresco; g 20 foglie di basilico.

Pulire i gamberi dal carapace, lavarli e spolverarli di curry dopo averli passati velocemente nell’albume leggermente battuto. Cuocere a vapore a 76° per 7 minuti sopra al basilico fresco.

Mondare e tagliare sottile le verdure, quindi mettere in sacchetto sottovuoto speciale per cottura e condire con lo zucchero, l’aceto, il sale il pepe e l’olio extravergine d’oliva non affumicato.

Chiudere e cuocere a 68° per circa 10 minuti. Abbattere in un altro sacchetto per cottura in sottovuoto, inserire le erbe miste a coltello e l’olio extravergine affumicato.
Chiudere e mettere in forno a vapore per 20 minuti a 68°.

Composizione del piatto:
Sistemare le verdurine in agrodolce csul piatto, porvi sopra i gamberi, condire con un po’ di sugo di cottura e l’olio alle erbe fume’.

Decorare a piacere e servire.

Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011

di Courtesy SIRMAN/Zafferano anno 13/ 37 del 2011

Autumn Food Experience in Italy

Olive Oil Sommelier & Food Experience in Tuscany

COURSE CONFIRMED

13-17 October 2014Armonie in Cucina - Australia

Immerse yourself in the flavours, scents and beauty the magnificent Val d’Orcia in the heart of Tuscany.

A 5day professional training course to study and improve your knowledge and appreciation of olive oil, gastronomy and wine, with degustations and cooking demonstrations, these are the ingredients of our comprehensive course for the aspiring Professional Olive Oil Sommelier.

Read more

Contacts IRVEA South Hemisphere:

Mob. +61 403 872493  

E-mail info@irvea.org 

Professional EVOO Sommelier

Professional EVOO Sommelier: course confirmed – Subscrption still open

COURSE CONFIRMED

SUBSCRIPTION STILL OPEN!

Immerse yourself in the flavours, scents and beauty the magnificent Val d’Orcia in the heart of Tuscany

A 5 day professional training course to study and improve your knowledge and appreciation of olive oil, gastronomy and wine, with degustations and cooking demonstrations, these are the ingredients of our comprehensive course for the aspiring Olive Oil Sommelier.

WHEN & WHERE: Monday 13 October – Friday 17 October 2014 From 9am – 2pm in the classroom at: CASANOVA WELLNESS CENTER, San Quirico D’Orcia (Siena)

(FILEminimizer) ValDOrcia_58561546

An ‘Amazing Food Experience’ that also includes wellness, guided tasting tours and dinners to olive mills and wineries in the beautiful Montalcino region, home of the famous Brunello wine.

With a multidisciplinary approach to communication and marketing of olive oil and using innovative and alternative techniques, sensory analysis and organoleptic evaluation, we endeavour to highlight the Harmonisation of olive oil and food, both in the kitchen and on the plate.

What is an Olive Oil Sommelier?
A Professional Olive Oil Sommelier has a thorough knowledge of the full production process of olive oil – “from the grove to bottle” – and is highly skilled in the selection, classification, promotion and rational use of olive oil.

Our gaol is to offer a well balanced theory and practical course that will provide students with the right skills and knowledge to be able to communicate the rational use of olive oil in the kitchen and on the plate, in particular, the harmonisation of EVOO & Food pairing…

At course completion, participants will have acquired skills and qualification, entitling them to join the International Register of Olive Oil Experts and to be part of professional olive oil evaluation panels.

Contacts IRVEA South Hemisphere:

Mob. +61 403 872493  

E-mail info@irvea.org 

pdficoDownload the complete programme and the application form


Professional EVOO Sommelier – fee included



tms1

Da tutto il mondo per acquisire competenze e diventare Professional Olive Oil Sommelier

tms1La cornice del Lago di Garda ha fatto da splendido scenario al II° corso per Professional Olive Oil Sommelier in lingua inglese, al quale hanno aderito entusiaste persone provenienti dai quattro angoli del mondo.

Il corso, ideato e organizzato da IRVEA e Olive Oil Academy a Toscolano Maderno, sul Garda bresciano, ha visto la partecipazione di assaggiatori, appassionati e buyer provenienti da Canada, Sud Africa, Australia, Arizona, Taipei, Hawaii, Irlanda, Grecia.

Tra il 30 Marzo e il 4 Aprile sono state approfondite tutte le tematiche legate all’assaggio, alla valutazione merceologica e all’utilizzo alternativo dell’olio in cucina, in sala e nella cosmesi; si è fatta luce sulle più innovative tecniche di valorizzazione e promozione e, grazie alle elevate competenze dei docenti intervenuti, è stato possibile condividere esperienze e prove tecnico-didattiche altamente formative sulla trasformazione e modificazione dei cibi in abbinamento con l’olio.

Ogni giorno, a partire dalle ore 16:00, O’live Italy, un’associazione culturale per la promozione turistica locale, ha organizzato inoltre tour specifici per i partecipanti, alla scoperta del meraviglioso e suggestivo territorio che ha ospitato il corso.

Visto il successo dell’iniziativa la segreteria organizzativa di IRVEA sta già programmando il prossimo appuntamento che si terrà, sempre nel territorio, in prossimità del periodo di raccolta, nel mese di ottobre 2014.

Armonie in Cucina - Australia

Lettera Aperta – L’olio in polvere e i progressi tecnici e tecnologici nel settore agroalimentare

Gentile Direttore,
Leggiamo con piacere il suo articolo sull’olio in polvere, (leggi l’articolo) e desideriamo sottolineare la profonda soddisfazione provata nello scoprire che, finalmente, l’utilizzo della maltodestrina per la trasformazione dell’extravergine da liquido in polvere, che noi insegniamo dal gennaio 2013 nei nostri corsi per Sommelier professionali dell’Olio, sta diventando di dominio pubblico e non è più prerogativa dei giovani chef degli istituti alberghieri italiani aderenti al progetto Oleum Sapiens.

Gli stessi giovani chef che si sono dimostrati entusiasti di fronte a queste trasformazioni e si dedicano giorno dopo giorno a ideare e realizzare nuove creazioni culinarie con sistemi innovativi. Del resto i corsi per Sommelier professionali dell’Olio ideati da IRVEA/ Olive Oil Academy non sono orientati a formare semplici assaggiatori di olio, come avviane nella maggior parte dei corsi di questo genere, ma sono incentrati anche sulla sua comunicazione e promozione, oltre che sull’utilizzo di strumenti, tecniche e tecnologie per un uso innovativo ed alternativo dell’extravergine in cucina e in sala.
Risalgono al 2012 le nostre prime esperienze nella trasformazione dell’Extravergine dallo stato liquido a quello in polvere. Durante le finali del Concorso Harmony in the Kitchen- branca culinaria del Concorso oleario A.NZ.SA. ARMONIA, riservato ai giovani discepoli dei grandi chef australiani. Alexanda Joslyn (24 anni) giovane allievo di Stefano Pavoni – Spit on the bridge- Sydney- si è infatti classificato II° nel concorso presentando un dessert a base di spuma di yogurt, gelatina di rabarbaro ed Extravergine erbaceo medio in polvere.

E’ stata una sorpresa vedere come in queste “nuove terre” l’evoluzione in cucina ha fatto passi da gigante negli ultimi 10 anni. La giuria, composta da esperti, importanti chef australiani e dai giudici di Master Chef Australia, non ha potuto che rimanere entusiasta nell’appurare la sistematica ricerca di questi giovani chef per innovare e migliorare le proprie capacità.

Vai alla photogallery Armonie In the Kitchen Australia 
Anche quest’anno i giovani chef degli alberghieri, aderenti al programma Oleum Sapiens, stanno affilando le loro armi in vista delle finali del concorso “ARMONIE in CUCINA”, collegate alla competizione “Olio, Riso &…tra terra e mare”, che premierà le migliori creazioni culinarie realizzate con gli extravergini vincitori del VIII° Concorso oleario Internazionale ARMONIA, così come avvenuto anche nelle precedenti edizioni presso ALMA, La Scuola internazionale di Cucina Italiana di Colorno. Per i giovani vincitori di questa edizione è previsto come premio un’esperienza lavorativa alla corte di Jamie Oliver in UK, biglietto aereo e soggiorno inclusi.
L’anno scorso il concorso ha visto nascere una stella. Giovanissimo, Daniele Lopriore dell’Alberghiero di Castellana Grotte (BA), la cui performance gli aveva fatto aggiudicare il 3° posto al concorso, sta infatti già lavorando presso “Paschà”, uno dei pochi ristoranti stellati Michelin di Puglia.
Digressioni a parte, volevamo ringraziarla per aver dato spazio a queste informazioni preziosissime ma spesso trascurate, grazie alle quali ci è stato permesso di condividere con lei e con i suoi lettori, oggi per la prima volta dopo tanto tempo, l’importanza fondamentale di promuovere la ricerca e l’innovazione in campo gastronomico ed alimentare.
Per chi, come noi, crede che il futuro dell’agroalimentare consisti nel sapersi innovare senza rinunciare alla qualità
Segreteria Organizzativa IRVEA
Ph. + 39 011 195 67 218
Mob:+39 338 53 94 663
Fax: + 39 0743 77 86 08
segreteria@irvea.org


www.irvea.org

hp_slide_11

Olive Oil Sommeliers & Food Lovers

hp_slide_11After the success of ARMONIA in the Kitchen, Olive Oil Academy  presents a professional course for Olive Oil Sommelier & Food Lovers

A top-level qualification course designed for those who wish to become not only olive oil tasters who concentrate their abilities on the classification of the product, but true experts in the selection and multiple use of olive oil

The course is conducted in English and intended for professional and aspiring olive-oil tasters, restaurateurs, chefs, producers, retailers, promoters and all those who are interested in becoming a Professional Olive Oil Sommelier.

The course aim is to train Professional Olive Oil Sommeliers who will be highly qualified and able to make the best use of Extra Virgin Olive Oil, employing their skills and knowledge through effective communication together with innovative techniques of preparation and presentation in the harmonious pairings of oil and food, with particular attention to health and nutrition.

This course will be held at Garda Lake, Italy from: 31 March – 4 April

Enrolments are now open until:  15 February 2014

 Download the program and the application form


Pay now



 

For more information for this and other courses, please refer to the link on website: www.oliveoilagency.org or www.irvea.org